Sito ufficiale della Fondazione "Leonardo Sinisgalli"

Casa delle Muse di Sinisgalli

casa delle muse 2015

L'inaugurazione della Casa delle Muse, domenica 20 ottobre 2013, ha rappresentato un importante traguardo per la Fondazione Leonardo Sinisgalli e per il Comune di Montemurro. Il 22 aprile, con delibera n. 22 della Giunta, l'Amministrazione Comunale ha concesso in gestione alla Fondazione l'immobile acquistato e ristrutturato con fondi della Regione Basilicata.

La struttura di circa 200 metri quadrati, è in Corso L. Sinisgalli, al n. 44, proprio di fronte alla piccola casa dove nacque il poeta il 9 marzo del 1908 (campeggia sulla parete la celebre "Monete rosse"). Si tratta di un palazzetto acquistato e ristrutturato da Vito Sinisgalli nel 1922 (lo testimonia la data incisa sulla chiave di volta del bel portale in pietra). Il padre, ritornato dalle Americhe in quell'anno, con questa scelta donò alla propria famiglia degli spazi più adeguati e confortevoli alla consistenza del proprio "clan".

Non una Casa-Museo, ma una Casa delle Muse di Sinisgalli; non uno spazio immobile e celebrativo, ma un contenitore flessibile e aperto ad ogni Musa, ad ogni forma espressiva di libertà e di arte. Non un monumento, ma un ambiente imperfetto e vivo, mutabile.

Le Muse di Sinisgalli hanno adesso un'agorà vera, nella sua Montemurro, da vivere e da riempire: di progetti, di idee, di creatività. Per tutti.

La Casa delle Muse non è solo la Sede della Fondazione Sinisgalli, la sua base operativa. La Casa delle Muse è anche Centro di documentazione sinisgalliana. In due sale sono conservati i suoi libri, 3.000; i suoi disegni; le sue pubblicità; gli attrezzi del suo lavoro (la scrivania, la macchina da scrivere, il dipinto di Maria Padula del 1944); le pubblicazioni editoriali (la Fondazione ha acquistato 70 rari volumi del poeta-ingegnere); le copertine delle Riviste che ha fondato e diretto (Pirelli, Civiltà delle Macchine, La botte e il violino); le sue poesie ed altro ancora.

La Casa delle Muse è anche culla degli artisti cari a Sinisgalli: Gentilini, Cantatore, Turcato, Chersicla, Tamburi ecc. Ma soprattutto è Forgia, nel senso sinisgalliano del termine, laboratorio di iniziative e progetti.

Sono attualmente visitabili, oltre alle sale allestite in maniera permanente, le seguenti Mostre:

1) "La soffitta di Casa Sinisgalli" che raccoglie il materiale ritrovato nella soffitta della famiglia Sinisgalli: fotografie, documenti, oggetti, libri e riviste dagli anni venti agli anni Quaranta.

2) “Nelle contrade dell’infanzia del mio paese” è stata inaugurata il 27 gennaio 2018. In mostra 21 pastelli dei 45 che Sinisgalli realizzò a Montemurro e che vennero utilizzati a Matera nel dicembre del 1978, presso la galleria d'arte "Il Labirinto" di Rocco Fontana". Tale operazione rientra a pieno titolo in SOS SINISGALLI, il recupero del materiale sinisgalliano, iniziato lo scorso anno.

3) Nella Sala Bibllioteca di Sinisgalli è possibile ammirare un Omaggio al Sinisgalli pubblicitario. Sono in esposizione affiches dedicate ai rapporti tra il poeta-ingegnere e l'Olivetti, Pirelli, Supercortemaggiore, Alfa Romeo, Alitalia ecc.

4) Per quanto riguarda il circuito Acamm, attualmente è possibile visitare, fino a giugno, una mostra dedicata a Morellet. Nel 2017, abbiamo ospitato mostre dedicate a Guido Strazza, Mario Cresci, Fausto Melotti, Antonietta Rapahel.

 

20 Ottobre 2013

Fondazione
Leonardo Sinisgalli

C/so Leonardo Sinisgalli,44
85053 - Montemurro (Pz)
Tel./Fax 0971753660
C. F. 96058490762

845962