Sito ufficiale della Fondazione "Leonardo Sinisgalli"

Il narratore

fiori-pari-fiori-dispari cover Fiori pari, fiori dispari*
Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1945.

Fiori pari, fiori dispariraccoglie le 28 prose confidenziali che Leonardo Sinisgalli aveva pubblicato a puntate, in una rubrica dallo stesso titolo, durante il 1942 sulla rivista "il Primato". Sul finire dell'anno matura in Sinisgalli l'idea di una pubblicazione editoriale per la Mondadori. il 3 dicembre 1942 consegna all'editore le bozze e dedica il volume "ai miei amici". Sono gli anni della guerra. Da lì a poco, dopo la firma dell'armistizio, Sinisgalli sarebbe stato arrestato dai nazisti e rinchiuso nella prigione di Via Tasso. Il suo nome risultava in un taccuino di un amico antifascista.

Solo il coraggio di Giorgia, che lo aveva conosciuto da poco, grazie ad un'amicizia comune con Velso Mussi, lo salvò dalle grinfie naziste. Nel 1945, in un'Italia liberata, i suoi Fiori videro le stampe nella collana "I quaderni dello specchio". La copertina, bicroma, reca uno specchio stilizzato, chiaro riferimento alla collana. Nel 1979 i Fiori pari, fiori dispari di Sinisgalli vennero inclusi nella riedizione di Belliboschi (Mondadori, 1948).

"Ai miei amici", si diceva, è la dedica in epigrafe. Una dedica semplice, ma anche un orizzonte interpretativo per meglio comprendere le confessioni sinisgalliane. Non quindi un racconto per tutti, ma un privato e pudico svelamento di un vissuto intessuto di memoria, di affetti, di riflessioni, dove l'infanzia a Montemurro assurge a Eden di spensieratezza primordiale.

La narrazione, spesso rievocazione, procede sul filo di una prosa, sempre attenta e compatta, che "non si concede alle bellurie, alle sventatezze dello scrivere bene", dice Carlo della Corte, ma apre spiragli a cedimenti poetici che il lettore attento non potrà non cogliere. La fragranza elegante dei suoi Fiori è leggermente trapunta da una malinconia lucana, da un'insoddisfazione che galleggia sul fondo di un'anima limpidamente caleidoscopica, ma profondamente sincera.

Un dono raffinato... per "gli amici" di ieri, e per quelli di "oggi".

Ho ritrovato i miei compiti
La coperta rossa dell'infanzia
Mia cugina Elisabetta
Via Velasca
L'orto meraviglioso
Se sul letto di morte
Il ragazzo che dorme in me

* Il titolo dei racconti tratti da Fiori pari, fiori dispari, è arbitrario poiché Sinisgalli aveva preferito titolarli con una semplice progressione di numeri romani.


belliboschi cover Belliboschi
Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1948.

Sono racconti scritti lontano dal Sole, nel torbido Nord. L'amore per la sua terra è tutto in questi ricordi dolcissimi e ossessivi, con tutto il teatrino di paesani vecchi e giovani, di avvocati che sentenziano in un dialetto orfico-armentese, e di straordinarie vegliarde. La prosa è elegante, nella sua semplicità. E solo a tratti è trapunta di malinconia.

Il piccione
Dormire a Potenza
La donna barbuta
Le Pleiadi
La corte dei vecchioni


pugnodimosche cover Un pugno di mosche
Editore Bucciarelli, Ancona 1963.

Con un'acquaforte originale di Walter Piacesi.
Edizione di 100 copie numerate da 1 a 100, più 15 riservate al poeta e all'artista contrassegnate con numeri romani.

Un pugno di mosche


disegnodiscipione cover Un disegno di Scipione e altri racconti
Arnoldo Mondadori Editore, Milano 1975.

Racconti di memoria. Premio Basilicata.

Girano tanti lucani per il mondo


     tre pietre tovate

Tre pietre trovate

leggi il testo

29 Gennaio 2012
Fondazione
Leonardo Sinisgalli
Corso Leonardo Sinisgalli, 44
85053 Montemurro, Pz
Tel./fax 0971.753660
666092